gio 14 DICEMBRE 2017 ore 05.08
Home Riceviamo e pubblichiamo A Ischia Gli Invalidi Penalizzati Anche Nell’attraversare Le Ztl.

Come se non bastasse il mancato abbattimento delle barriere architettoniche e il pagamento sulle strisce blu

A Ischia Gli Invalidi Penalizzati Anche Nell’attraversare Le Ztl: Possono Transitare Solo Con L’auto Indicata Al Comune Quando Invece Col Contrassegno “H” Dovrebbero Avere Libero Accesso Ovunque E A Bordo Di Qualsiasi Autovettura

Ennio Anastasio in merito indica in merito anche la sentenza della Corte di Cassazione n. 719/2008 che recita testualmente: “La persona invalida, dunque, può servirsi del contrassegno per circolare con qualsiasi veicolo in zone a traffico limitato, con il solo onere di esporre il contrassegno, che denota la destinazione attuale dello stesso al suo servizio, senza necessità che il contrassegno contenga un qualche riferimento alla targa del veicolo sulla quale in concreto si trova a viaggiare”.

di Gennaro Savio

Nel Comune di Ischia gli invalidi già vergognosamente penalizzati per il mancato abbattimento delle barriere architettoniche e per l’imposizione del pagamento del parcheggio sulle famigerate strisce blu, ora sono anche limitati nell’accedere all’interno delle zone a traffico limitato. Infatti se sino ad oggi l’invalido poteva entrare nella ZTL a bordo di qualsiasi automobile purché in possesso del contrassegno “H”, ora che sta per andare definitivamente in funzione il sistema di telecamere che sostituisce quello dei dissuasori elettronici, ogni invalido potrà accedere solo con l’auto di cui ha preventivamente fornito la targa al Comune. Si tratta di una limitazione assurda ed inconcepibile anche perché spesso gli invalidi non posseggono neppure un auto e di volta in volta, a seconda di chi tra familiari e amici è disponibile ad accompagnarli, si spostano a bordo di una macchina diversa. Ecco perché, sindaco Enzo Ferrandino, questa limitazione che penalizza vergognosamente il diritto alla mobilità degli invalidi va immediatamente rimossa e i contrassegni “H” non debbano essere collegati a nessuna targa, così come ci ricorda anche Ennio Anastasio rispetto ad una sentenza della Corte di Cassazione.

“Il Comune di Ischia – ci ha dichiarato Ennio Anastasio – con l’introduzione delle telecamere nelle zone ZTL ha permesso di indicare solo e tassativamente una targa per l’auto di servizio della persona disabile, ma la giurisprudenza detta ben altre norme. Infatti basta ricordare la sentenza della Corte di Cassazione n. 719/2008 che recita testualmente: ‘La persona invalida,dunque, può servirsi del contrassegno per circolare con qualsiasi veicolo in zone a traffico limitato, con il solo onere di esporre il contrassegno, che denota la destinazione attuale dello stesso al suo servizio, senza necessità che il contrassegno contenga un qualche riferimento alla targa del veicolo sulla quale in concreto si trova a viaggiare’. Se quindi è necessaria la targa e non solo il contrassegno, cosa accade se l’auto della persona invalida segnalata al comune quel giorno non è disponibile?

Al Comando vigili – ha concluso Anastasio – quantomeno dovrebbero permettere di indicare più targhe, almeno due, così se una vettura non è disponibile per vari motivi, (guasto, non disponibilità del conducente, ecc) se ne può utilizzare un’altra”. Sin qui le parole di Ennio Anastasio che in merito ha anche presentato un istanza al primo cittadino. Cosa aggiungere. In un paese degno di poter essere definito civile, agli invali verrebbe data la possibilità di entrare all’interno di tutte le zone a traffico limitato indipendentemente dall’auto che guida o in cui e accompagnato purché in possesso del contrassegno “H”.

Sindaco Enzo Ferrandino, l’augurio è che almeno su questo tema rispettiate finalmente in toto il diritto alla mobilità degli invalidi. Di certo noi continueremo a batterci affinché ciò avvenga.

Ischia, 19 settembre 2017