ven 7 AGOSTO 2020 ore 16.46
Home Economia Terra mia, Terra mia

Terra mia, Terra mia

di Stefania Di Martino

Cosa sta realmente succedendo al pianeta terra? Domanda interessante alla quale si può dare una risposta, ricorrendo al passato.

Nel corso del XX secolo si è arrivati a formulare il concetto di “Riscaldamento Globale”. In climatologia questa espressione sta ad indicare un mutamento di tipo climatico. È interessante affermare che nel corso della vita biologica del pianeta terra vi siano già stati registrati casi di riscaldamento globale dovuti però a cause naturali che hanno condotto il pianeta stesso ad affrontare le così dette Ere Glaciali.

Purtroppo, al giorno d’oggi, non si parla più di riscaldamento globale causato da fenomeni naturali. Questo infatti è causato da diversi fattori: l’aumento della concentrazione atmosferica dei gas serra, in particolare dell’anidride carbonica; l’attività umana, come la generazione di energia per mezzo di combustioni fossili che genera a sua volta un incremento dell’effetto serra; cambiamenti sulla superficie terrestre come la deforestazione; incremento di aerosol (un tipo di colloide in cui un liquido o un solido sono dispersi in forma di gas); l’allevamento intensivo.

Risultati immagini per foto terra cambiamenti climatici

I report dell’IPCC (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico) suggeriscono che durante il XXI secolo la temperatura media della Terra potrà aumentare ulteriormente rispetto ai valori attuali. Questo è il percorso che la terra sta intraprendendo.

A questo punto è importante interrogarsi sugli effetti che il riscaldamento globale provoca o provocherà in un futuro. L’aumento delle temperature sta causando, infatti, importanti perdite di ghiaccio e l’aumento del livello del mare. Sono visibili anche conseguenze sulle strutture e intensità delle precipitazioni. Alcuni studi hanno previsto che la temperatura media si innalzerà soprattutto nella zona artica e comporterà una riduzione dei ghiacciai, del permafrost (zona perennemente ghiacciata) e dei mari ghiacciati, con possibili modifiche alla rete biologica e all’agricoltura, tuttavia l’azione e l’influenza del riscaldamento saranno difficili da prevedere.

I modelli negli anni 2000, oltre ad un progressivo aumento della temperatura media globale, prevedono anche un incremento del ciclo dell’acqua con aumento di fenomeni estremi ovvero siccità e alluvioni.

Quindi gli effetti del riscaldamento globale sono già visibili, solo che purtroppo le persone non concependo questi cambiamenti (ondate di caldo, alluvioni, siccità) come dei pericoli attribuiscono il tutto al maltempo. Ma lo stesso IPCC afferma che il così detto maltempo è proprio dovuto all’aumento del riscaldamento globale.

Risultati immagini per foto terra cambiamenti climatici

In Italia, ad esempio, si registra che la temperatura media è aumentata di 0,98 C°, soprattutto al Settentrione d’Italia. Gli effetti del riscaldamento si ripercuotono a cascata su tutto l’ecosistema. Dai fenomeni atmosferici estremi come uragani, alluvioni, inondazioni fino all’aumento delle malattie: tutto è collegato.

Mentre il Monte Bianco si sgretola, in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Emilia Romagna prolificano le zanzare e i contagi da virus West Nile. Per non parlare del forte disagio in Campania e specialmente sul capoluogo, nel Febbraio del 2018 una forte tempesta di neve è imperversata ricoprendo il territorio di bianco.

Una tempesta così non veniva registrata dal 2012.

Per questo motivo è necessario tener conto delle parole del IPCC e non sottovalutare questo fenomeno, credendo ingenuamente che sia solo “maltempo”.

Napoli, 21 novembre 2018