sab 25 NOVEMBRE 2017 ore 10.29
Home Notizie di Oggi Sicurezza e Sostenibilità dell’ambiente Costruito nell’era della Convergenza Digitale.

Sicurezza e Sostenibilità dell’ambiente Costruito nell’era della Convergenza Digitale
Martedì 27 Giugno 2017, Complesso Monumentale di San Marcellino e Festo, Napoli

di Maria Cava

Un “libro bianco” per raccontare risultati, numeri e dati dell’innovazione applicata al settore delle costruzioni; un Accordo con il Ministero della Difesa per utilizzare risorse e competenze per lo svolgimento di attività di ricerca, di consulenza scientifica, didattica e formazione; una tavola rotonda per sottolineare l’importanza dell’innovazione per raggiungere obiettivi di sviluppo e sostenibilità attraverso le azioni più significative realizzate a livello regionale, nazionale e internazionale.

Celebrerà così i primi sette anni di attività nel settore delle costruzioni sostenibili, il Distretto ad Alta Tecnologia, STRESS, nel corso dell’evento che si svolgerà, martedì 27 giugno, presso il Complesso Monumentale di San Marcellino e Festo, a Napoli, a partire dalle ore 9,30 e fino alle 13,30. Intervengono Lorenzo Bellicini, Direttore del Cresme 
, Ennio Rubino, Presidente STRESS Scarl, Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e Presidente CRUI, Filippo De Rossi, Rettore dell’Università degli Studi del Sannio, 
Rodolfo Girardi, Vicepresidente Ance
, Ambrogio Prezioso, Presidente dell’Unione degli Industriali di Napoli e Coordinatore tavolo nazionale Confindustria per la rigenerazione urbana
, Vincenzo Onorato, Presidente e Direttore Generale Consorzio INTEGRA
, Roberto Carpaneto, Presidente e Amministratore Delegato Rina Consulting (ex D’Appolonia S.p.A.), Francesco Noto, Generale Aeronautica Militare – Coordinatore Struttura Progetto Energia, Gioacchino Alfano, Sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa
, Antonio Gentile, Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico. Le conclusioni sono affidate a Maria Grazia Falciatore, Vice Capo di Gabinetto del Presidente della Regione Campania e Responsabile della Programmazione Unitaria.

Ambiente costruito, sostenibilità, sicurezza e soprattutto innovazione. In queste parole c’è la sintesi dei settori nei quali opera il Distretto ad Alta Tecnologia per le Costruzioni sostenibili, STRESS, che nel 2010 ha dato vita ad un percorso collaborativo ed un modello organizzativo, per esprimere capacità di governo di processi complessi, tipici della filiera delle costruzioni e volti a favorire integrazioni virtuose fra i Soci e i partners.

“Mai come oggi è necessario sottoporsi a momenti di valutazione rispetto al proprio operato”, afferma il Presidente di STRESS, Ennio Rubino. “ E’ necessario aprirsi all’esterno per cogliere stimoli e suggerimenti per far meglio.
 La nostra scelta di insistere sulla realizzazione di best-practice inserite spesso anche con forza nei progetti di ricerca industriale, rappresenta secondo noi il giusto modo per valorizzare le risorse finanziarie acquisite sul mercato pubblico nazionale ed europeo della ricerca e dimostrare che è possibile ottenere dei benefici dall’innovazione. Ma anche dimostrare che gli investimenti in ricerca possono tradursi in azioni concrete in grado di generare esternalità positive per il tessuto socioeconomico del paese”.

“ Il settore delle costruzioni per ampiezza, per eterogeneità, per frammentazione ha un contenuto intrinseco di complessità”, prosegue Rubino. “Innovazione tecnologica, organizzativa, digitale, normativa, finanziaria, si possono racchiudere nel binomio “cultura-innovazione”. Su queste basi poggia il rilancio del settore su scala nazionale e internazionale. Non si sfugge al fatto che la sfida è globale. Stress si propone come strumento facilitatore di questo processo d’innovazione a partire dal Mezzogiorno”.

A livello Europeo la filiera delle costruzioni è tra i comparti industriali a più alto impatto ambientale in termini di energia totale utilizzata (per la produzione e per i consumi), di emissioni inquinanti e di volume di rifiuti prodotti.

La sostenibilità delle costruzioni rappresenta oggi, alla luce di tali dati, uno degli obiettivi fondamentali della ricerca, che, attraverso lo sviluppo di nuovi sistemi e soluzioni tecnologiche, deve mirare a governare in maniera sostenibile il rapporto tra l’edificio e l’ambiente e tra l’edificio e i suoi abitanti. Una soluzione edilizia sostenibile dovrà, infatti, essere progettata, eseguita, manutenuta ed eventualmente dismessa, con lo scopo primario di contenere i consumi energetici, le emissioni di inquinanti ed i quantitativi di rifiuti prodotti, garantendo, al contempo, il comfort, il benessere e la sicurezza degli occupanti.

Delineare la road-map per affrontare queste sfide del futuro significa mettere a frutto uno sforzo di sistema con il coinvolgimento attivo e proattivo dei soggetti pubblici e degli operatori privati.

Stress, nascendo da un percorso che ha portato all’aggregazione dei principali generatori di conoscenza scientifica campani (Università e centri di ricerca) e di importanti realtà imprenditoriali operanti sul territorio, è in grado di proporsi come soluzione di sintesi per quell’integrazione, lungo la filiera, utile a superare il technical-divide tra produzione della conoscenza e applicazione alle realtà produttive.

Napoli, 4 luglio 2017