dome 23 SETTEMBRE 2018 ore 20.36
Home Notizie di Oggi Il Mio Pianeta si sta Riscaldando

IL MIO PIANETA SI STA RISCALDANDO

Togliere l’asfalto dai campi da gioco per combattere le ondate di calore.

dott. Luca Bartolini , Alberto Patruno 

Oggi sul sit “www.franceinter.fr   è stato pubblicato un articolo che ci ha molto stimolato su tematiche a Noi care, quello di aumentare il verde urbano come strumento di riduzione delle polveri sottili e anche di mitigare il caldo che in questi anni e nei prossimi sta invadendo le grandi metropoli.

Sarà nostra intenzione come Associazione ASSO.IMPRE.DI.A.ITALIA (Associazione nazionale Imprese per la Difesa e tutela Ambientale) nei prossimi giorni chiedere un incontro con il Ministro all’Ambiente Sergio Costa e i Sindaci di Milano, Roma e Napoli per valutare la possibilità di far partire, anche attraverso il nostro sostegno/sponsorizzazioni, un progetto simile a quello, che a breve, partirà a Parigi.

IL MIO PIANETA SI STA RISCALDANDO

di Sandy Dauphin.

Parigi vuole togliere l’asfalto dai campi da gioco per combattere le ondate di calore. Sabato 7 luglio 2018 di Sandy Dauphin.
Questa è una delle misure sconosciute del Capital Climate Plan. Con il riscaldamento globale, diventerà più caldo in città. Per rinfrescare l’atmosfera, il municipio vuole riqualificare i parchi giochi: più verde, meno cemento. Sono stati lanciati diversi esperimenti.

Il gruppo scolastico Riblette verde i suoi tre parchi giochi © Consiglio di Architettura, Urbanistica (CAUE).

Interruttori per combattere ondate di calore. Quest’estate, il gruppo scolastico Riblette nel XX arrondissement di Parigi dovrebbe sperimentare una riqualificazione del “cambiamento climatico speciale”. Oggi i tre parchi giochi di questo stabilimento (due scuole condividono i locali) risalenti alla fine del XIX secolo sono tipicamente parigini. Sono piccoli, incisi e ricoperti di bitume. I pochi platani danno un po ‘di ombra, ma non sono abbastanza per raffreddare l’atmosfera soffocante in estate. ” Usiamo mezzi artigianali, i tubi per rinfrescare i bambini e abbeveriamo i corsi “, descrive uno dei direttori, Thibault Webre.

La città vuole combattere contro le “isole del caldo”.

Questi parchi giochi sono quelli che i pianificatori urbani chiamano “isole di calore urbano”. Questi luoghi molto minerali immagazzinano il calore durante il giorno. La temperatura non scende di notte perché i terreni bituminosi impediscono all’acqua di infiltrarsi e quindi evaporare. La situazione peggiorerà secondo le proiezioni di Météo France presentate l’8 giugno 2018 . A Parigi, potrebbe andare da 1 a 4 gradi in più alla fine del secolo . Tutto dipenderà dalle misure globali per ridurre le emissioni di gas serra.
Nella capitale, bisogna prepararsi a vivere nel futuro delle ondate di calore tra giugno e settembre, e non solo in luglio e agosto. ” Con il cambiamento climatico, questo effetto isola di calore sarà molto importante nei prossimi anni “, conferma Célia Blauel, vice sindaco di Parigi responsabile per il Climate Plan, una tabella di marcia di 500 misure.

Il bitume deve essere rimosso nelle scuole, ma anche sui marciapiedi, e domani in tutti i principali progetti di sviluppo a Parigi, è necessario disidratare e lasciare infiltrare l’acqua.

Il gruppo scolastico Riblette farà verdeggiare i suoi tre campi da gioco quest’estate. Sono stati consultati tutti gli “utenti” di spazi esterni, adulti e bambini. Hanno scelto i criteri di comfort, sicurezza, “convivenza” (meglio condividere la corte tra ragazze e ragazzi, per esempio, o tra campi di calcio o aree di gioco tranquille).

Ma la priorità sarà anche quella di creare luoghi freddi con terreni porosi, un muro verde, i nebulizzatori, una fontana e meno cemento . In uno dei corsi ” rimuoveremo un terzo del bitume e svilupperemo un’area prato”, spiega il regista Thibault Webres, ” vedremo se è fattibile con tutti i bambini “. Un altro insegnante aggiunge: ” Speriamo che la vegetazione giochi sul clima della scuola e porti un po ‘più di serenità nel cortile “.

Pubblicato dal Presidente ELCA Emmanuel Mony.

Napoli, 7 luglio 2018