sab 25 NOVEMBRE 2017 ore 10.31
Home Economia Via Francigena nel Sud: al via il Gruppo di Lavoro con le...

Via Francigena nel Sud: al via il Gruppo di Lavoro con le 5 Regioni e l’Associazione Europea Vie Francigene

di Luca Bruschi

Nasce il coordinamento per la via Francigena nel Sud per poter arrivare alla certificazione di itinerario culturale europeo. Priorità a percorso, segnaletica, infrastrutture e animazione sui territori.

Un nuovo step per il progetto di estensione della certificazione della Via Francigena nel Sud ad "Itinerario culturale del Consiglio d'Europa". A Roma si incontrano le 5 regioni attraversate (Lazio Campania Molise Basilicata Puglia) per dare attuazione al protocollo di collaborazione.

Via Francigena, e Via Appia, rappresentano le spine dorsali e gli assi prioritari dei cammini su scala nazionale intorno ai quali sviluppare reti di percorsi ciclopedonali in collaborazioni con le regioni. Con queste finalità, si è riunito a Roma presso la sede di Regione Puglia il gruppo tecnico di lavoro per dare attuazione al protocollo di intesa fra le 5 regioni e l'Associazione Europea delle Vie Francigene per la valorizzazione della Via Francigena nel Sud e la sua certificazione.

All'incontro hanno partecipato Aldo Patruno e Paolo Mauro Bruno (regione Puglia), Simone Quilici e Maria Vincenza Zongoli (regione Lazio), Domenico Di Nunzio e Cristian di Paola (regione Molise), Nadia Murolo, Roberto Fiorentino, Barbara Mancusi Barone, Alfonso Buonaiuto (regione Campania), Emanuele Nicoletti (regione Basilicata), Massimo Tedeschi, Luca Bruschi, Silvia Lecci (Associazione Europea Vie Francigene).

Obiettivo comune è la puntuale definizione del tracciato e delle informazioni sul percorso, in primis Vademecum ed Abaco dei cartelli recentemente messi a punto dal coordinamento interregionale con AEVF, e la programmazione del piano di azioni per il triennio 2017-2019 su percorso, segnaletica, infrastrutture, animazione, manutenzione.

Primo punto è la definizione di un tracciato unitario Roma/Santa Maria di Leuca attraverso una apposita analisi come è stato richiesto dall'Istituto Europeo per gli Itinerari Culturali. La certificazione del tratto Roma/Puglia infatti potrà avvenire solo a condizione che siano programmate adeguate azioni infrastrutturali e di animazione da parte delle autorità regionali e locali nell'ambito del Coordinamento per la Via Francigena nel Sud in accordo con AEVF e regioni.

"La definizione condivisa di tale quadro tra Regioni attraversate e AEVF, nel ruolo diréseau porteur della Via Francigena, è presupposto indispensabile per la ratifica dell'estensione della certificazione di "Itinerario culturale del Consiglio d'Europa" alla Via Francigena nel sud da parte dell'organismo assembleare di AEVF. Ratifica che, se il lavoro sarà alacre, potrebbe avvenire entro fine anno" - ha concluso il presidente AEVF Tedeschi.

Fidenza, 9 aprile 2017