mer 24 APRILE 2024 ore 16.26
Home Cultura Una Pasqua sopra le righe. Martino Ariano. Madrid

Una Pasqua sopra le righe
di Martino Ariano

 

L’aria pasquale si fa già sentire, forse più forte degli altri anni.

Premettendo che non dovrebbe essere una guerra vicina a farci venire voglia di pace, visto che di guerre e soprattutto di ingiustizie nel mondo ce ne sono moltissime. Per farvi un’idea, vi invito a visitare l’Atlante delle guerre e dei conflitti nel mondo.

Ma non voglio entrare nel labirinto di argomentazioni socio-politiche, storiche e/o belliche pesanti e tristi, per questo bastano gli altri media.

Il mio intento vuole essere quello ludico e culturale, per farvi staccare un pò la spina, con l’aiuto dell’arte.

Per il periodo pasquale vi voglio presentare due opere dell’artista statunitense Jeff Koons.

Due opere che usano due simboli pasquali: l’uovo e il coniglio.

Conosciuto per le sue sculture fatte con dei palloncini (Balloon Dog) e per quella enorme a forma di cane (Puppy) fuori il Guggenheim di Bilbao, è uno dei maestri della Neo-Pop Art, tanto da essere ritenuto l’erede di Andy Warhol, nonché l’artista vivente più quotato al mondo.

Koons è spesso chiamato il Re del Kitsch, in quanto predilige icone ed oggetti solitamente ritenuti brutti o di cattivo gusto, kitsch appunto. Ma la sua scelta non è casuale, lui li sceglie per riscattarli dal loro status, valorizzandoli con materiali ed intenzioni fortemente emotive.

L’approccio e l’intento estetico è messo in secondo piano da Koons e la precisione nella realizzazione e la maniacale cura dei dettagli rendono le sue opere spiazzante.

L’identità dell’oggetto con Koons è sovvertita, contraddetta e, alla fine, negata.

A contribuire a tutto ciò sono: la monumentalità e la brillantezza del materiale.

La prima la usa per ingrandire giocosamente i suoi oggetti, enfatizzando la loro banalità o la loro effimerità per aumentandone l’importanza.

La seconda, la lucentezza, ha come obiettivi quello di mettere in comunicazione l’osservatore/fruitore con l’ambiente esterno e l’opera, fungendo da stimola ad un’introspezione, allo scavare dentro di sé, per conoscersi meglio e per rompere quel guscio, quella corazza che spesso si suole indossare.

La prima opera è Cracked Egg (Uomo rotto).

1Cracked Egg, 1994-2006, acciaio, 5 edizioni, 165 x 160 x 160 cm.

Datata 1994-2006, fa parte della serie Celebration, ideata per celebrare, mediante immagini e simboli iconici, gli eventi più importanti dell’anno.

L’opera, in acciaio, a forma di uovo rotto, si collega alla simbologia occidentale dell’uovo, con una ricchezza figurativa secolare.

La scelta iconografica, l’uomo rotto, insieme alle due caratteristiche appena descritte,  mira a enfatizzare soprattutto la fragilità dell’uovo e, di conseguenza, il tema dell’effimero, contrapposto all’eterno.

L’uovo vero è fragile, mentre una sua versione in acciaio diviene resistente ed eterna.

La seconda opera è Rabbit.

2Rabbit, 1986, acciaio inox, 104,1 x 48,3 x 30,5 cm, Coll. privata

Una scultura del 1986 venduta all’asta, nel maggio del 2019, per 91,1 milioni di dollari, la cifra più alta mai pagata per un’opera di un artista vivente.

I palloncini, ricorrenti nelle sue sculture, nella loro versione originale sono piccoli, leggeri e spesso volanti, mentre nella versione di Koons sono monumentali e pesantissime. Eppure, appaiono ugualmente leggere, buffe e divertenti, grazie alla loro vivacissima colorazione e lucentezza.

Nella sua visione artistica un palloncino può diventare perfettamente un monumento tanto quanto una statua equestre.

Quella messa in campo da artisti come Koons è fare dell’arte un’arma di emozioni, sensazioni, esperienze.

L’estetica con la contemporaneità a volte è messa da parte per far posto a idee, gesti, azioni che hanno una natura più emotiva, sociale e a volte politica.

Saper guardare e leggere l’arte contemporanea, andando oltre i nostri filtri estetici, ci permette di reinventare il passato, leggere ed interpretare il presente, e pianificare il futuro.

E con un simbolo in una versione un pò sopra le righe, per non dire kitsch, vi auguro Buona Pasqua!

Madrid, 13 aprile 2023