sab 25 GIUGNO 2022 ore 20.55
Home Sport Poker con i cugini….. Il Napoli cala il poker.

Poker con i cugini…..

Il Napoli cala il poker.

di Carlo Gimmelli

Un Napoli autoritario liquida la Cenerentola Salernitana del nuovo presidente Iervolino e ritorna prepotentemente al secondo posto alle spalle dell’Inter.

Gli azzurri ormai hanno ripreso la marcia verso la vetta con la terza vittoria consecutiva ma soprattutto hanno sfoderato un gioco aggressivo e propositivo, stile Spallettone, con un possesso palla imbarazzante, del 82%, un roba mai vista prima, che ridà fiducia e ottimismo anche in ottica Europa League.

La rosa si sta rinfoltendo con il recupero degli infortunati, mancano all’appello solo Anguissa e Koulibaly ancora impegnati in Coppa d’Africa; Osimhen sta recuperando la fame di gol e acquisendo minutaggio in partita.

Non molto da dire sulla partita, troppo netto il distacco tecnico tra le due formazioni e non era certo al Maradona stadium che i cugini salernitani potevano sperare di fare il punticino della speranza.

Dopo il gol del vantaggio di Juan Jesus il Napoli ha avuto il demerito di giochicchiare con leziosità inutili, non avendo ancora acquisito il cinismo necessario contro le piccole ed è arrivato, puntuale, il pareggio dei picentini nell’unica azione pericolosa della partita; ma stavolta gli azzurri non si sono innervositi e con un rigorino generoso fischiato dal torinese Ayroldi, realizzato dal solito Mertens (5 reti nelle ultime 7 gare), si sono riportati in vantaggio alla fine del primo tempo.

La ripresa è stata poco più di un allenamento, è rientrato Insigne che, sempre su rigore, ha segnato il 115° gol in maglia azzurra, eguagliando il titolare dello stadio di Napoli, un certo Diego.

Un record che Lorenzo ci teneva a raggiungere per rendere meno amaro il suo addio alla maglia azzurra anche se ormai il suo rapporto con la tifoseria sembra quantomeno appannato.

Spalletti, a risultato acquisito, ha concesso minutaggio a giocatori poco utilizzati come Ghoulam, ormai sicuro il suo addio a giugno, e il giovane talento Zanoli che ha fatto vedere buoni numeri e una certa sfrontatezza in campo.

In tribuna De Laurentiis ha invitato il neo presidente granata Iervolino, grande tifoso azzurro, rampante imprenditore campano e patron dell’università telematica Unipegaso.

Iervolino ha rilevato la Salernitana l’ultimo giorno utile, prima della esclusione dal campionato, dal Trust che era stato incaricato della vendita dal presidente della Lazio Lotito per porre fine al pasticciaccio all’italiana della doppia proprietà di due squadre nello stesso campionato.

Ovviamente il neo presidente ha atteso l’ultimo giorno utile per accaparrarsi il titolo ad un prezzo “politico” forte delle pressioni della F.I.G.C su Lotito per risolvere la questione ed evitare un terremoto nel massimo campionato: “appena” 10 milioni di euro e l’impegno di investimenti anche se, come probabile, i picentini dovessero tornare nella serie cadetta ma soprattutto la certezza di una proprietà indipendente ed economicamente sana made in sud.

Dopo la sosta per lo stage della nazionale, il campionato riparte e Spalletti potrà finalmente riprendere fiato e recuperare tutti i giocatori per la volata finale e gli impegni Europei.

Il Napoli sarà impegnato a Venezia e, vincendo, potrà approfittare per guadagnare punti di platino su Inter e Milan, impegnati nel derby meneghino.

La rincorsa continua.

Napoli, 24 gennaio 2022