mer 24 APRILE 2024 ore 17.35
Home Cultura Le magie del Natale

Le magie del Natale
di Giulia Di Nola

Il fascino esercitato sull’uomo dalla chiaroveggenza, ovvero quella capacità di indagare, mediante culti esoterici, su realtà invisibili e misteriche, ha origini molto remote, possiamo dire innate.

Addentrarsi in un segmento del tempo, il futuro, ove tutto sembra essere stato scritto per noi, sub-specie aeternitatis, da una fitta materia stellare, dai numeri e dalle posizioni, favorevoli o meno, di certuni pianeti, è frutto di un insuperato infantilismo da non sottovalutare per lo spessore relativo al fenomeno e per l’accanimento con cui ci si rivolge a cartomanti, stregoni, maghi e astrologi da strapazzo. La dipendenza da queste categorie, insomma, è assai forte soprattutto, poi, se le avversità della vita e le folli follie di una dea più che bendata si susseguono ineluttabili e coincidono con le nostre mancate soddisfazioni, mancate riuscite affettive, lavorative e infine con le nostre precarietà fisiche (anche quelle d’una certa entità).

Ma dall’età pre-greca, quando la Pizia, a Delfi – santuario costruito in onore di Apollo e nel quale era possibile venerare un magnete posto in un punto ben preciso detto “ombelico del mondo” – sentenziava dall’alto delle sue massime, all’età contemporanea, il bisogno di consultare sacerdoti e profeti su questioni soprattutto private, ha subìto un incremento non indifferente che ci giunge da dati statistici allarmanti e in continua esclation.

Anzi, con il crescere della crisi economica cresce, di pari passo, non solo questa esuberante e dispendiosa tendenza, ma la forte richiesta “giustifica” la presenza sempre più congrua di fattucchieri e usurai che di fatture omesse, di clandestinità, di amoralità, col bene placito di uno stato menefreghista, ne sanno davvero tanto.

La fragilità spirituale, il timore di non riuscire a conseguire certi obbiettivi e l’interruzione di rapporti amorosi giocano un ruolo determinante nell’irretimento di soggetti emotivamente deboli e già inclini alle psicopatologie del quotidiano; soggetti che annebbiati da false e costose parole di conforto, vengono facilmente circuiti.

Le misure restrittive, le relative campagne culturali dei governi contro e su tutto quanto concerne le pseudo scienze, il fittizio che ruota attorno alla lettura di astri e stelle cadenti, dovrebbero essere massicce e intensificarsi: nessuna sfera di cristallo può predire questo o quell’avvenimento, pena la libertà e le scelte umane.

Tuttavia le reti televisive scandiscono le nostre giornate, sin dalle prime ore del mattino, a suon di oroscopi; ciò non è altro, a mio avviso, che indurci in tentazione!

Napoli, 4 dicembre 2016