mer 24 APRILE 2019 ore 21.02
Home Economia La Storia dei Kennedy a Palazzo Belloni, Bologna.

La Storia dei Kennedy a Palazzo Belloni
di Mario Mormile

Con un’esposizione di oltre 300 fotografie a Palazzo Belloni di Bologna è partita lo scorso 2 Marzo la mostra dedicata ad una delle famiglie più importanti della storia degli Stati Uniti e che ha segnato un’epoca di grandi trasformazioni storiche. Le opere provengono dagli archivi del JFK Museum di Boston e sono accompagnate da alcuni oggetti come la sedia a dondolo preferita del presidente e il vestito da sposa di sua moglie Jacqueline. La mostra resterà aperta fino al 5 Maggio con il titolo “The Kennedy Years” ed è curata dal biografo personale dei Kennedy Frédéric Lecomte-Dieu che ha curato la selezione degli scatti accompagnati da didascalie esplicative e citazioni di grandi personaggi.

La mostra vuole essere un viaggio completo che attraversa oltre la vita dei Kennedy anche quella della famiglia di Jacqueline Lee Bouvier, che nel 1953 era una promettente reporter di 24 anni che sposò l’allora senatore John Fritzgerald di 35 anni. Una giovane coppia che occupò per anni le pagine di quotidiani nazionali e internazionali, grandi interpreti e protagonisti di quegli anni e che concluse la sua corsa in quel tragico giorno a Dallas nel 1963, attraversando alcune delle più importanti vicende storiche del tempo, in piena guerra fredda, tra i missili a Cuba, la guerra in Vietnam, le missioni spaziali e le manifestazioni per i diritti civili.

Il percorso espositivo si articola in diverse sale e corridoi del settecentesco Palazzo Belloni, appartenuto alla storica famiglia di banchieri di origini lombarde e che vide tra queste sale ospitare per brevi periodi il sovrano cattolico in esilio Giacomo III Stuart d’Inghilterra che trascorse gran parte della sua vita in italia a causa degli eventi della “gloriosa rivoluzione” avvenuta nel suo paese. Le sale sono riccamente affrescate da vari artisti ricordando anche questi episodi e fanno da splendida cornice all’esposizione.

Bologna, 31 marzo 2019