ven 17 AGOSTO 2018 ore 09.09
Home Riceviamo e pubblichiamo Grazzanise: L’istituto Comprensivo Ripropone Le Educative Gare Miniolimpiche

A contrasto dell’uso di stupefacenti e della dilagante ludopatia il forte impegno di Federico Parente
Grazzanise: L’istituto Comprensivo Ripropone Le Educative Gare Miniolimpiche
Sabato 12 maggio si torna al campo sportivo “R.Massaro” grazie all’impegno del vicesindaco Vaio
di Raffaele Raimondo

Sabato 12 maggio tornano le Miniolimpiadi d’Istituto al campo sportivo che esattamente 10 anni fa veniva intitolato alla memoria del ventenne Raffaele Massaro prematuramente scomparso.

L’Istituto comprensivo (Ic) guidato dalla dirigente Roberta Di Iorio ne riassume il merito, ma l’attesissimo appuntamento sportivo felicemente si rinnova grazie al forte spirito di nobile sacrificio del prof. Federico Parente (autentica punta tecnica di diamante) coadiuvato, con fertili modalità, dalle colleghe Paola Rendina e Flora Diomaiuta.

L’evento si qualifica peraltro come un efficace ed educativo argine di contrasto ai fenomeni, dilaganti in paese, dell’uso di stupefacenti fra le giovani generazioni e della ludopatia che avvinghia gli adulti in tutte le fasce d’età. Tuttavia in quest’anno 2018 si registra l’accennata importante novità: il ritorno, per la festosa circostanza, al campo “Massaro” a seguito dell’impegno che, finalmente, ha profuso l’Amministrazione comunale segnatamente nella persona del vicesindaco ed assessore al ramo Marcello Vaio. Infatti, per alcuni anni e fino al 2017, a causa dell’inagibilità formale e sostanziale del grazzanisano terreno di gioco, la competizione s’è svolta sul campo sportivo di Santa Maria la Fossa messo puntualmente a disposizione dalla Giunta-Papa.

Il raduno degli atleti di scuola primaria e secondaria di 1° grado è previsto alle ore 15,15. Un quarto d’ora dopo si dispiegheranno l’entrata e la sfilata di tutti i partecipanti. A seguire, l’accensione del braciere olimpico, il saluto della Di Iorio e la sua dichiarazione di apertura delle gare. Il programma annuncia, in partenza, le “corse campestri” femminile (sui 1000 metri) e maschile (1800 metri) e poi il “lancio del peso” f. e m. che vedranno protagonisti gli allievi della secondaria. Agli alunni della primaria toccherà cimentarsi, dopo, con il “percorso ginnico” di cui al “Progetto Sport a Scuola”.

Infine, sarà di nuovo in azione la secondaria con le batterie di “corsa veloce” che selezioneranno le finaliste per i 60 metri e i finalisti sul tratto degli 80 metri. Alle 18,30 giungeranno gli agognati momenti della premiazione, a siglar la quale interverranno la medesima dirigente e le autorità cittadine. Indi i miniatleti, con un émpito corale di salutare letizia fisica e psicologica, saluteranno il pubblico a fine manifestazione.

“Lo sport misura il valore umano in millimetri e in centesimi di secondo”: questa frase dell’antropologo canadese Bernard Arcand campeggia sulla locandina delle Miniolimpiadi d’Istituto 2018. E appunto sulla difesa e sul rafforzamento del “valore umano” si è firmato il 21 novembre 2017 il Protocollo d’Intesa proposto dall’Ic alle altre Istituzioni dei Comuni di Grazzanise e Santa Maria la Fossa. Su quella inestimabile scia, il 22 marzo ultimo scorso è sorto un promettente “laboratorio” di prevenzione e lotta contro le più diffuse devianze dell’attualità locale: generoso mallevadore il giudice Cesare Sirignano; attori di primo piano le principali autorità civili, religiose e militari, ma soprattutto le educatrici e gli educatori dei nuclei familiari e delle istituzioni formative del territorio chiamati a dare una poderosa inversione di tendenza nelle realtà grazzanisana e fossatara afflitte da mali vecchi e nuovi, ma desiderose di uscire dai disastri economici, demografici e socio-culturali che continuano ad abbondare. Ecco, proprio in questi irrinunciabili solchi le Miniolimpiadi di oggi rappresentano una “sudata” isola felice.

Grazzanise, 12 maggio 2018