mer 17 LUGLIO 2019 ore 23.56
Home Economia Giornate del FAI di Primavera 2019

Giornate del FAI di Primavera 2019
di Mario Mormile

Da poco concluse le giornate dei FAI di primavera di questo 2019 ed è tempo di fare un breve bilancio che può dirsi sicuramente positivo, si è infatti registrato un grande successo testimoniato dal grande numero di partecipanti che hanno avuto accesso ai luoghi aperti in via straordinaria anche grazie al contributo di volontari e studenti delle scuole. Il felice esito è stato visibile anche dalle lunghe code che si sono formate, specialmente nella giornata di Domenica, a testimonianza che il pubblico ha gradito i luoghi scelti e ha deciso di spendere il proprio tempo libero alla scoperta di luoghi d’arte o naturalistici.

Sono ormai passati alcuni anni dal 2012 che sembra una data lontana, eppure le tracce del terremoto sono ancora visibili, ed oggi a distanza di anni si iniziano a vedere finalmente i risultati positivi del lavoro svolto per salvare alcuni luoghi, tra essi spicca il restauro compiuto a Pieve di Cento alla Collegiata di Santa Maria Maggiore, duramente colpita dal sisma ed oggi fruibile grazie ai tecnici dell’Impresa Leonardo, che hanno accompagnato i visitatori nell’itinerario di visita, scoprendo oltre alle architetture, le opere del Guercino, di Guido Reni e di Lavinia Fontana.

Imola è stata interessata da numerose aperture su cui spiccava lo splendido palazzo Tozzoni, l’edificio voluto dalla prestigiosa famiglia toscana a metà del XVIII secolo presenta uno stupendo progetto che si articola tra saloni e scalinate monumentali oltre che ad una preziosa collezione di opere d’arte e decorazioni a stucco. A Bologna invece oltre all’interessante visita alla vecchia biblioteca poi divenuta teatro e cinema del monastero di San Martino è stato possibile visitare la splendida villa Aldrovandi Mazzacorati ed il suo prezioso teatrino, uno dei teatri privati più interessanti della città, a chiudere idealmente nel capoluogo felsineo c’era Palazzo Fava, famoso per i suoi cicli di affreschi realizzati in età giovanile dalla celebre famiglia Carracci.

Bologna, 28 marzo 2019