lun 6 FEBBRAIO 2023 ore 18.03
Home news europee e ambiente Congresso Nazionale degli Attuari dal 15 al 17 giugno a Bologna

“La gestione dei rischi per le imprese e la collettività”

Congresso Nazionale degli Attuari dal 15 al 17 giugno a Bologna

Apriranno i lavori tra gli altri Tito Boeri, Presidente Inps, e Mario Padula, Presidente Covip. Previsti oltre 800 partecipanti e 130 interventi per discutere di welfare e di pensioni, di previdenza integrativa e di fondi sanitari, di rischi informatici e aziendali, di calamità naturali, di Solvency II e Funzione Attuariale e di nuovi prodotti assicurativi “La gestione dei rischi per le imprese e la collettività” per dibattere pubblicamente questo tema, di grandissima attualità e importanza per la vita sociale ed economica del Paese, oltre 800 tra attuari e anche non attuari si sono dati appuntamento a Bologna dal 15 al 17 giugno per il XI Congresso Nazionale. Si parlerà di welfare e di pensioni, di previdenza complementare e di fondi sanitari, di nuove frontiere nella gestione dei rischi che interessano la telematica, i big data, gli aspetti gestionali, i rischi della Pubblica Amministrazione. Si approfondiranno la gestione dei rischi nelle imprese finanziarie e in quelle non finanziarie, Solvency II e Basilea III, passando per l’Enterprise Risk Management (ERM), Risk Management, Funzione Attuariale, nuovi prodotti assicurativi, i rischi finanziari e catastrofali e molto altro ancora. La partecipazione si annuncia elevatissima (una percentuale consistente dei circa 950 attuari iscritti all’albo sarà presente) con un’attenzione particolare al mondo esterno alla professione attuariale: dei circa 130 interventi previsti, circa la metà saranno da parte di esterni alla professione; saranno inoltre presenti esponenti di rilievo a livello internazionale (tra cui i Presidenti dell’Associazione Attuariale Internazionale ed Europea) e autorevoli rappresentanti delle istituzioni e della politica. In programma, nei tre giorni di lavori, ben 10 sessioni parallele, 5 sessioni plenarie e 10 tra tavole rotonde e panel. Al centro l’“Attuario dal volto nuovo” che la relazione introduttiva del Presidente del Consiglio Nazionale proporrà come protagonista della vita sociale ed economica del Paese nel delicato ruolo di gestore dei rischi. Nel corso del Congresso si parlerà anche del ruolo degli Attuari all’interno del sistema ordinistico e dell’importante progetto di sviluppo che l’Ordine degli Attuari e l’Istituto Italiano degli Attuari stanno portando avanti, in sintonia con il progetto più ampio in atto a livello Europeo e Mondiale. In tale contesto ci saranno anche degli autorevoli interventi istituzionali. La professione attuariale è in costante sviluppo con una crescita continua degli studenti iscritti ai corsi magistrali abilitanti all’esame di Stato e degli iscritti all’Albo, ed è quindi sempre più pronta a sostenere il Paese nel suo processo di rilancio e sviluppo.

CHI E’ L’ATTUARIO

Gli attuari in Itala sono circa 950, 80.000 nel mondo, 20.000 in Europa. Il loro tasso di disoccupazione in Italia è prossimo allo zero.

Sono esperti di statistica, matematica applicata, probabilità, finanza e tecniche attuariali. Il loro mestiere, all’interno delle compagnie di assicurazione come degli enti pensionistici, riguarda molteplici aspetti dal calcolo delle tariffe agli accantonamenti tecnici, e in ogni caso la valutazione dei rischi e i calcoli di sostenibilità delle pensioni.

Gli attuari lavorano sia come liberi professionisti, sia come dipendenti presso società di assicurazioni, enti del settore previdenziale, università, istituti di vigilanza come l’Ivass (assicurazioni) e la Covip (fondi pensione).

Per diventare attuari occorre una laurea magistrale in Finanza, oppure in Scienze Statistiche, oppure ancora in Scienze Statistiche, Attuariali e Finanziarie. Sul sito www.ordineattuari.it si può trovare l’elenco di tutti i corsi di laurea attivi nelle università italiane.

Napoli, 15 giugno 2016