lun 20 NOVEMBRE 2017 ore 21.56
Home Tecnologia Amministrative 2017, vince il centrodestra.

Amministrative 2017, vince il centrodestra
di Raffaele Russo

Le ultime consultazioni prima delle elezioni politiche del 2018 ha visto il prevalere della coalizione di centrodestra in tutte le città più importanti in cui si andava a votare.

Infatti i successi di Genova, L’Aquila, Verona, Piacenza, Catanzaro, La Spezia hanno avuto decisamente un eco nazionale che ha manifestato come il Partito Democratico viva una situazione di difficoltà con il segretario Renzi alle prese, di nuovo, con la sua minoranza (nel caso specifico, il ministro Orlando e i suoi fedelissimi), mentre il Movimento 5 Stelle ha palesato le sue difficoltà a livello locale, anche se è riuscito a conquistare una città importante come Carrara.

In questo contesto, la destra, presentatasi unita in quasi tutte le città, ha piazzato dei colpi importanti, conquistando città che mai prima erano state amministrate da un sindaco vicino a Berlusconi e company.

E’ il caso di Genova, che ha visto il prevalere del candidato azzurro Bucci, il quale ha nettamente vinto la sfida al ballottaggio contro il suo competitor Crivello; il dato del capoluogo ligure, assieme a quello di La Spezia e dopo le regionali vinte dal governatore di Forza Italia Toti, rappresentano il vero campanello d’allarme per Renzi e i suoi uomini, in quanto perdere città e regione che da tradizione sono “rosse” è indice di un malcontento che è difficile da circoscrivere solo al perimetro locale, ma ha radici ancor più profonde.

Emblematico anche il caso dell’Aquila, alle prese con una difficile ricostruzione post terremoto, dove il candidato di destra Biondi è riuscito nell’impresa di battere Di Benedetto, dopo che al primo turno il candidato di centrosinistra ha sfiorato il 50 % e aveva un vantaggio di circa quindici punti percentuali.

In questo caso, troppo ingombrante è stata, per Di Benedetto, la presenza di tutto lo stato maggiore del suo partito, che ha finito per penalizzarlo a fronte di un Biondi, il quale ha saputo incarnare la voglia di rinnovamento presente in tutti gli aquilani.
Dato comune in tutte queste amministrative è stata la forte astensione dei cittadini, che raggiunto livelli del 50%; la scelta di porre i ballottaggi il 25 Giugno non è stata certo delle più felici.

Napoli, 3 luglio 2017