ven 12 APRILE 2024 ore 18.00
Home Economia Universiadi 2019 : Napoli Chiamata A Vincere La Gara Contro Il Tempo

Universiadi 2019 : Napoli Chiamata A Vincere La Gara Contro Il Tempo
di Alessandro Capasso

Napoli ancora capitale d’eccellenza, questa volta scelta come città ospitante delle Universiadi 2019. Nella conferenza stampa di Roma, è stato presentato il progetto alla presenza degli organizzatori e autorità politiche tra cui il presidente del CONI Malagò il ministro Luca Lotti, il governatore Vincenzo De Luca e il presidente dell’Agenzia Regionale Universiadi – Aru, l’organismo voluto dalla Regione Campania per governare l’evento – il rettore di Salerno Raimondo Pasquino, il presidente del Cusi (Centro Universitario Sportivo Italiano) Lorenzo Lentini, il presidente della Crui Gaetano Manfredi e il numero uno della federazione mondiale dello spor universitario (Fisu) Oleg Matytsin, Marco Tardelli invece, sarà testimonial dell’evento.

Organizzazione mastodontica e investimenti necessari come l’acqua, per un territorio non ancora attrezzato ad ospitare un evento di simile portata, ma traspare ottimismo dai vertici organizzativi : “Vogliamo fare bella figura a Napoli, perché in questo Paese è sempre stata un successo l’organizzazione degli eventi sportivi” dichiara Malagò, una vera e propria gara contro il tempo, appena un anno per apportare migliorie e ristrutturazioni per una “situazione impiantistica tra il complicato e il drammatico”. Impianti a pezzi, (il Collana di Napoli è l’esempio più noto ma non unico) ma per il presidente De Luca questa è l’occasione per recuperarne decine, nelle città capoluogo e nelle periferie, per la precisione 65 di cui: 37 per l’agonismo, il resto destinato agli allenamenti che si terrebbero, ad esempio, anche a Torre del Greco, Casalnuovo o Castellammare, comuni dell’hinterland napoletano.

Il 63% dei recuperi saranno a Napoli – - il 14% a Caserta, il 12% a Salerno, il 6% a Benevento e il 5% ad Avellino. Il ministro allo Sport Luca Lotti enumera i conti : 270 milioni di euro di fondi europei: 100 milioni dal governo centrale, 170 milioni dalla Regione nell’ambito del Patto per la Campania.Un altra gara sarà quella dell’accoglienza degli atleti dei 170 paesi partecipanti, un occasione secondo De Luca per “restituire al mondo di una immagine rinnovata e diversa per la città di Napoli e la Campania, qualcosa di diverso dalle solite Pulcinellate. Le Universiadi sono il più grande evento sportivo dopo le Olimpiadi, per noi è una grande occasione di promozione. Ovviamente i tempi sono quelli che sono, dovremmo darci da fare subito, con capitolati impegnativi e penalizzanti per le imprese che dovranno lavorare anche di notte”. Per il Comune di Napoli presenti l’assessore allo Sport Ciro Borriello e il capo di gabinetto Attilio Auricchio, a Napoli saranno destinati 28 milioni, di cui 8 saranno utilizzati per la riqualificazione dello stadio Collana: «Ci sono già i progetti approvati, siamo alle procedure di gara. Contiamo di aprire i cantieri a maggio». Una sfida nella sfida, con la speranza che almeno in quest’occasione, Napoli e la Campania possano vincere una medaglia d’oro per efficienza e organizzazione.

Napoli 13 ottobre 2007