sab 17 NOVEMBRE 2018 ore 10.28
Home Riceviamo e pubblichiamo Napoli. Consiglio, Palmieri: “Maggioranza a pezzi, il sindaco pensi alla città e...

Consiglio, Palmieri: “Maggioranza a pezzi, il sindaco pensi alla città e non alle sue convenienze politiche”

“Oggi, per la terza volta di fila, la seduta del consiglio comunale è stata miseramente sciolta senza nemmeno avviare il dibattito sui temi per i quali era stata convocata. E per ben due volte ciò è accaduto per mancanza di numero legale. Per l’incapacità di chi non riesce a tenere insieme le fila di una già risicata maggioranza su temi di assoluta sensibilità per il futuro della città, dalla gestione e valorizzazione del patrimonio comunale alla condizione delle politiche di welfare, per finire alla stato di salute dei trasporti e della mobilità cittadina. Questione che toccano, insomma, la carne viva dei cittadini. Quello che invece ne viene fuori è l’ennesimo pasticcio che va a discapito del lavoro che il Consiglio dovrebbe produrre e che mette in risalto ancora una volta l’incapacità dell’azione politica e di buon governo di questa maggioranza, ormai a pezzi a causa delle lotte intestine per la partecipazione all’esecutivo di giunta”. Lo scrive in una nota il consigliere del Comune di Napoli, Domenico Palmieri, presidente della commissione Trasparenza.

Risultati immagini per foto domenico palmieri consigliere comunale napoli

Domenico Palmieri

“All’appello – prosegue Palmieri – erano presenti solo dodici consiglieri di maggioranza. Hanno dato forfait non singoli consiglieri ma interi gruppi da sempre fedelissimi, che ora reclamano spazi politici. Se questo è l’andazzo, come credo appaia chiaro, ci troveremo da ora in avanti ad assistere a una querelle infinita, tutta proiettata alla sopravvivenza politica di questa amministrazione e del suo leader, indifferente ai problemi e agli interessi della città”.

“Ci aspettano pistolotti a non finire, quelli ai quali i vertici di Palazzo San Giacomo ci hanno abituato in questi lunghi anni, ma mai risultati politici o amministrativi degni di tale nome”, conclude Palmieri.

Napoli 5 novembre 2018