sab 16 NOVEMBRE 2019 ore 22.36
Home Economia Libia, Marsiglia (Federpetroli Italia): Parole di Haftar le uniche che ad oggi...

Libia, Marsiglia (Federpetroli Italia): Parole di Haftar le uniche che ad oggi favoriscono l’indotto petrolifero internazionale

Attraverso la stampa internazionale il Generale Khalifa Haftar ha dichiarato che eventuali avanzate sulla città di Tripoli non interferiranno con la produzione e le politiche petrolifere libiche, auspicando anche l’eventuale candidatura di Saif Al-Islam Gheddafi alle prossime elezioni.

L’intervento del presidente di FederPetroli Italia – Michele Marsiglia a seguito delle dichiarazioni del Gen. Haftar ‘’Ad oggi le parole del Generale Haftar sono le uniche che fanno intravedere un interesse per il core-business libico, ovvero la produzione petrolifera. Le nostre impressioni non sono da attribuirsi come una sponsorizzazione per l’una o l’altra parte coinvolta nel delicato conflitto libico ma sicuramente apprezziamo chi, ad oggi, è stato l’unico a pronunciarsi sulla situazione della produzione petrolifera nel Paese”.

Il Gen. Haftar sostiene che la candidatura alle prossime elezioni politiche in Libia di Saif Al-Islam Gheddafi non sono un ostacolo e, ben venga come libero cittadino libico.

Marsiglia “Certamente auspichiamo come già detto tempo fa, in un ritorno in campo di Saif Al-Islam, il nostro auspicio si basa su una passata esperienza di anni fa ed in un’era pre-conflitto, dove la Libia e l’industria energetica internazionale viaggiavano a pieno regime. Andiamo avanti nella nostra road-map libica – continua il Presidente della FederPetroli Italia – nelle prossime settimane ci sarà una riunione con parte di aziende del bacino Mediterraneo coinvolte nello sviluppo industriale energetico libico, non possiamo fermarci, la Libia oggi, ancora più di ieri, è un Eldorado petrolifero e le aziende statali libiche continuano ad investire, ber venga la partecipazione a nuove business, dove aziende italiane e del Mediterraneo saranno appaltatrici nello sviluppo del paese nordafricano”.

Roma, 16 ottobre 2019