dome 27 MAGGIO 2018 ore 20.10
Home Riceviamo e pubblichiamo Commissione Europea : Affari economici e monetari

Affari economici e monetari

di Tina Pollice

 La Commissione europea intende obbligare i paesi dell’Unione europea entro il 2017 a raccogliere e condividere automaticamente i dati sul reddito da lavoro dipendente , i compensi agli amministratori , assicurazioni sulla vita , pensioni e proprietà. Tutto ciò è stato votato ed approvato dagli eurodeputati  Mercoledì  11 dicembre. Le norme attuali non obbligano i paesi a raccogliere questi dati , consentendo scappatoie . Entro il 2017 , le nuove norme dovrebbero anche chiedere ai Paesi dell’EU di raccogliere e condividere informazioni su altri redditi , compresi quelli da dividendi , plusvalenze e conti bancari saldi .

Nella votazione in seduta plenaria , il Parlamento ha sancito il principio della commissione ,che, gli Stati membri dovrebbero incorrere in sanzioni per la violazione delle regole.

La relazione è stata approvata con 360 voti a 59 , con 287 astensioni .

Giovedi ‘ la plenaria ha inoltre  discusso con la Commissione, il modo migliore per raggiungere un accordo , impegno misurabile e tangibile contro l’evasione fiscale e l’elusione fiscale nell’UE . E’ stata poi votata una risoluzione sulla stessa materia .

In sostanza il PE ha sostenuto l’intenzione di estendere la condivisione automatica dei dati sul reddito tra gli Stati membri nell’ambito della lotta all’evasione fiscale che costa all’Europa  1 trilione di euro all’anno istituendo una serie standardizzata di indicatori per misurare l’evasione e l’elusione fiscale . Un gap imposta ridotta  ed il recupero fornirebbero un aumento  necessario in entrate fiscali utili nell’attuale periodo di crisi .

La risoluzione richiede che, il divario fiscale ( differenza tra ciò che dovrebbe e ciò che è raccolto ) debba essere dimezzato entro il 2020, e, invita la Commissione a introdurre una serie di obiettivi concreti per ridurlo .

11/12/2013

 

Leave a Reply