mar 16 GENNAIO 2018 ore 10.52
Home Economia Avvocati e Radicali marciano a Napoli per i detenuti. Sovraffollamento record nelle...

Avvocati e Radicali marciano a Napoli per i detenuti. Sovraffollamento record nelle carceri campane
di Fabrizio Ferrante

Si è svolta stamattina, 11 dicembre, la marcia indetta dalla Camera Penale di Napoli per porre ancora una volta l’accento sulle criticità di un sistema che sta riportando in auge vecchi e nuovi problemi dietro le sbarre e nelle aule di tribunale. Sovraffollamento carcerario, eccessivo ricorso alla custodia cautelare e riforme più o meno mancate sono stati gli elementi caratterizzanti una mattinata che ha visto sfilare i penalisti napoletani insieme al Partito Radicale, all’associazione Penna Bianca, a Radicali Italiani ma anche insieme ad associazioni locali come Gioco di Squadra di Carmela Esposito e gli ex detenuti organizzati di Pietro Ioia.

Queste le dichiarazioni di Attilio Belloni, presidente della Camera Penale di Napoli a margine della manifestazione che ha visto sfilare un nutrito schieramento di manifestanti fra il Palazzo di Giustizia e il carcere di Poggioreale : “E’un grido di allarme, una richiesta disperata al governo, quella di adottare subito i decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. Altrimenti è una situazione insostenibile, abbiamo calcolato coi radicali che il trend di crescita è di circa tre mila detenuti all’anno, ciò significa che nel 2020 supereremo la soglia dei 67 mila detenuti. Il governo deve assumersi le sue responsabilità così come promesso al Partito Radicale e alle Camere Penali. Un altro tema che abbiamo voluto affrontare con l’astensione dalle udienze che ci sarà da oggi, 11 dicembre, al 15 dicembre in tutti i tribunali del distretto di Napoli è quello delle misure cautelari e il loro uso eccessivo: gli ultimi dati dicono che su 57994 detenuti, aggiornato al 31 ottobre perché ormai sono oltre 58 mila, 20515 sono in stato di custodia cautelare. Se rapportiamo questi dati a quelli sulla ingiusta detenzione, scopriamo che non tutti quelli che sono in carcere preventivo subiranno la condanna definitiva. In cinque mesi – ha concluso Belloni – a Napoli 63 cittadini sono stati indennizzati per ingiusta detenzione ed è stato speso un milione e 900 mila euro. In Italia, in cinque mesi, 475 cittadini sono stati risarciti per una spesa di 21 milioni di euro”. Un dato a sua volta parziale perché in molti, pur avendone diritto, non seguono la via risarcitoria e anche le stesse cifre dei risarcimenti sono bassissime, ha spiegato Belloni coadiuvato da Rita Bernardini, membro della presidenza del Partito Radicale.

La Bernardini ha fornito numerosi dati nel corso delle sue dichiarazioni: “Qui abbiamo gli ultimissimi dati della Campania e ci dicono che a Poggioreale su 1637 posti (che in realtà non sarebbero 1637 ma di meno come denunciamo da anni, ha chiosato l’ex deputata) ci sono 2161 detenuti con un sovraffollamento del 132% ma in realtà sicuramente superiore. A Secondigliano il sovraffollamento è del 135% il che significa che ogni 100 posti vengono rinchiusi 135 detenuti. Su 1020 posti ci sono 1379 detenuti a Secondigliano. Abbiamo cifre ancora più alte per il sovraffollamento ad esempio a Benevento dove ci sono 387 detenuti su 261 posti per un sovraffollamento del 148%. Ad Arienzo siamo al 143%, a Salerno al 134% e queste sono solo le cifre del sovraffollamento.

Quello che dobbiamo dire è che in Italia vige la pena fino alla morte perché sono 50 i detenuti che si sono suicidati nel solo 2017. Si suicidano anche gli agenti, negli ultimi tre anni 55 agenti di Polizia Penitenziaria si sono suicidati. Oltre 110 persone sono morte in carcere quest’anno, le hanno fatte morire in carcere senza neanche farle passare per un ospedale ma sono uscite cadaveri dal carcere. Chiediamo, anche con le marce fatte e i digiuni portati avanti assieme ai detenuti, che subito sia varata la riforma dell’ordinamento penitenziario perché non hanno scuse. La legge è stata già approvata a giugno dal Parlamento. Compito del governo è emanare i decreti delegati, sono passati quasi sei mesi e sebbene ci si dica che il lavoro è stato quasi completato, manca solo l’ultimo atto del governo. Sarebbe orribile chiudere il 2017 senza questa riforma. Assieme alle Camere Penali stiamo chiedendo tutto ciò ormai da tempo e non se ne può perdere altro”.

Raffaele Minieri ha così sintetizzato le ragioni della mattinata, che ha visto condividere la stessa piazza sia al Partito Radicale che a Radicali Italiani, nonostante la recente scissione fra i due soggetti: “Abbiamo testimoniato ancora una volta lo stato della giustizia e le difficoltà che in questo momento incontra il tribunale di sorveglianza di Napoli, collegate al sovraffollamento. Quindi la manifestazione di oggi è l’ennesima denuncia di questo fenomeno, alla base del problema per cui siamo qui. Come Radicali Italiani porteremo avanti una battaglia strutturale per superare le ragioni sociali, economiche ma anche ordinamentali che sono alla base delle disfunzioni del sistema giustizia. Dall’eccessivo uso della giustizia penale, un certo panpenalismo, a una situazione che al momento ci pone di fronte al grave ritardo dei decreti attuativi della riforma Orlando dell’ordinamento penitenziario, che però è solo un tampone dinanzi a una situazione che richiede interventi strutturali come depenalizzazioni e riduzione dello strumento delle misure di prevenzione. Queste infatti anticipano la criminalizzazione dell’individuo prima che si accerti una responsabilità penale”.

Napoli, 11 dicembre 2017