lun 20 NOVEMBRE 2017 ore 21.53
Home Riceviamo e pubblichiamo Assise della città di Napoli e del Mezzogiorno d’Italia

Assise della città di Napoli e del Mezzogiorno d’Italia

Il Comitato Scientifico delle Assise di Napoli e del Mezzogiorno d’Italia non
condivide i contenuti della legge “Riordino del Servizio Idrico Integrato ed
istituzione dell’Ente Idrico Campano”, approvata dal Consiglio Regionale lo
scorso sedici novembre, ritenendola in contrasto con la volontà popolare
espressa in sede referendaria.
Meraviglia che proprio in Campania, nella quale Napoli unica grande città
italiana ha rispettato l’esito del referendum del dodici e tredici giugno del
duemilaundici, sia stata approvata una tale legge regionale, schiaffo che
offende la democrazia, garantendo profitti ai privati.
A nulla valgono le giustificazioni che poggiano su questioni improponibili e
secondarie rispetto ai contenuti della scelta assembleare, iniqua e onerosa per
i cittadini , favorevole alla costituzione di ulteriori carrozzoni
clientelari, parassitari e dannosi, in nome della gestione di un bene che è
pubblico e che non va considerato merce da vendere o comprare da parte di
soggetti privati.
Le Assise, contrarie ad ogni affaristica operazione, sono per una
programmazione condivisa democraticamente, per una gestione virtuosa del
bene acqua, per la partecipazione degli utenti, per un attento e trasparente
controllo sulle risorse, per l’eliminazione del profitto, per il reinvestimento degli
utili.
Le Assise invitano la popolazione ad un’attenta riflessione, i consiglieri regionali
a rispettare il voto popolare in particolare quando si tratta del bene pubblico,
che esige scelte coerenti sul piano politico e amministrativo.
Pertanto le Assise aderiscono alla manifestazione indetta a Napoli il prossimo
ventotto novembre.

Napoli, 28 novembre 2015